Indice di massa corporea

IMC (Indice di Massa Corporea) – Cos’è e a cosa serve?

Spesso ci siamo chiesti se il nostro peso è adeguato oppure no, ma da solo questo valore non indica uno stato di benessere fisico. 

Il peso corporeo deve essere sempre considerato in rapporto ad altri parametri per poter rispondere alla fatidica domanda: “sono troppo grasso o troppo magro?”. Il calcolo dell’Indice di Massa Corporea è il metodo più diffuso per calcolare l’equilibrio del rapporto tra peso e altezza di un individuo.

L’IMC, ossia l’Indice di Massa Corporea (in inglese BMI: Body Mass Index), è un dato biometrico che indica la densità corporea. 

E’ un parametro che mette in relazione il peso del soggetto con la sua altezza; per questo risulta utile ai Biologi Nutrizionisti, Dietisti e Dietologi per capire se il peso del paziente è adeguato alla statura.

L’indice di Massa Corporea è un utile strumento di valutazione ma non deve essere preso come valore assoluto. E’ un parametro riferibile solamente per soggetti adulti (non è quindi utilizzabile per bambini e adolescenti ancora in fase di sviluppo) e non tiene conto della composizione corporea dell’individuo non distinguendo tra massa grassa e massa magra del soggetto; non indica infatti se il peso è da riferire ai muscoli o al grasso corporeo.

L’IMC ha quindi dei limiti che vanno tenuti in considerazione e va sempre associato ad altri parametri rilevanti come la circonferenza addominale, lo studio della composizione corporea effettuato tramite la Bioimpedenziometria (BIA), sesso ed età del paziente.

———————————————————————————————————————————————————————

COME SI CALCOLA L’INDICE DI MASSA CORPOREA

L’IMC viene calcolato attraverso una formula matematica elaborata nel 1832 dal matematico e statistico belga Adolphe Quetelet basandosi su dati antropometrici della crescita umana. La formula è stata poi ripresa negli anni ’70 dove ha trovato il suo utilizzo negli studi sull’obesità.

La formula per il calcolo dell’IMC è molto semplice: il valore si ottiene dividendo il peso corporeo espresso in chilogrammi con il quadrato dell’altezza espressa in metri.

IMC = peso in Kg / H² (in metri)

ESEMPIO: L’IMC di una persona alta 170 cm con un peso di 60 kg si otterrà dividendo il valore del peso (60 kg) con l’altezza al quadrato (1,70² m): 60 kg / 2,89 m = 20,7 IMC

Il risultato ottenuto posiziona il soggetto in una scala di valori che esprimono la densità corporea: 

IMC                    CONDIZIONE

< 16.5                 magrezza grave

16-18,49              sottopeso

18.5-24,99           normopeso

25-29,99              sovrappeso

30-34,99              obesità classe I (lieve)

35-39,99              obesità classe II (media)

> 40                    obesità classe III (grave)

L’IMC da solo non è un dato sufficiente per stabilire se il paziente è in salute o meno ma è un indicatore di rischio di sviluppare malattie croniche o degenerative associate al peso (come malattie cardiovascolari, diabete e cancro).

Rivolgersi ad un Biologo Nutrizionista è la scelta migliore per avere consigli e indicazioni su come mantenere uno stile di vita sano, adottare una corretta alimentazione e iniziare un percorso mirato sulle specifiche esigenze del paziente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © Maria Pia Muli 2019. All Rights Reserved.  - Codice Fiscale MLUMRP62P48F024K -  P.IVA 10119020583 - Design by Italiana d’Arte in collaborazione con CaliAgency

Doctolib
Prenota un appuntamento onlineVai qui
Call Now Button